Tu ora sei qui: Home

Mondo Servizi PMI - Firenze

Mondo Servizi
01  02  03  04
Mag23

ISCRIZIONI EX CORSO REC

 

SONO APERTE LE ISCRIZIONI  PER L'EX CORSO R.E.C., ORA CHIAMATO CORSO DI FORMAZIONE OBBLIGATORIA PER IL COMMERCIO E LA SOMMINISTRAZIONE DI BEVANDE 
AI SENSI DELLA L.R. 7 FEBBRAIO 2005 N. 28; DELIBERA DI GIUNTA REGIONE TOSCANA N. 984 DEL 12.11.2012; DECRETO DIRIGENZIALE REGIONE TOSCANA N. 5384 DEL 20.11.2012; D. LGS. 26 MARZO 2010 N. 59; ACCORDO STATO-REGIONI N. 236 DEL 21.12.2011.

            
IL CORSO PREPARA ALL’ESERCIZIO DI UNA SPECIFICA ATTIVITA’ LAVORATIVA DISCIPLINATA PER LEGGE NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE ALIMENTARE E DELLA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE.
Il corso si svolgerà presso l’aula corsi dello Studio MONDOSERVIZI PMI FIRENZE in Via Avogadro 32/5 Sesto Fiorentino (FI).



Per contattarci:
MONDOSERVIZI PMI FIRENZE
Via Avogadro, 32/5
50019 - Sesto Fiorentino (FI)
Tel 055/3454106

 

 
Mag17

DVR OBBLIGATORIO

 

                                           

                                            

 

 

 

DVR obbligatorio per tutti dal 1 Giugno 2013

 

STOP ALLE AUTOCERTIFICAZIONI

OBBLIGO DVR 1 GIUGNO 2013

 

 

DVR Sicurezza obbligatorio dal 1 Giugno 2013 per tutti


Dal 1 Giugno 2013 tutte le aziende, indipendentemente dal numero di lavoratori occupati (dunque anche sotto le 10 unità), dovranno essere in possesso del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) a dimostrazione dell’avvenuta valutazione di tutti i rischi presenti nei luoghi di lavoro.

 

 

MONDO SERVIZI PMI FIRENZE offre agli studi professionali ed alle aziende la possibilità di accedere ad un servizio ‘chiavi in mano’ per il completo adeguamento agli obblighi di legge in materia di salute e sicurezza negli ambienti di lavoro e dunque nel pieno rispetto di quanto previsto dal D.Lgs 81/2008 e s.m.i.

 

 

 

Domande frequenti in materia di sicurezza ed aggiornamento DVR

 

La scadenza del 31 Maggio 2013

L’articolo 29 del D.Lgs. 81/2008 stabilisce che fino alla scadenza del diciottesimo mese successivo alla data di entrata in vigore di tali procedure per mezzo di Decreto Interministeriale del Lavoro e comunque non oltre il 31 Dicembre 2012, i datori di lavoro che occupano fino a 10 lavoratori possono anche autocertificare di aver effettuato la valutazione dei rischi senza necessariamente essere in possesso del relativo documento.

La data dunque del 31 Maggio 2013 rappresenta l’ultimo giorno di validità dell’autocertificazione per i datori di lavoro che occupano fino a 10 dipendenti.

Dal 1 Giugno 2013 anche le aziende che occupano meno di 10 dipendenti dovranno dotarsi del DVR, elaborato secondo i criteri stabiliti dagli Artt. 28 e 29 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

 

Che cosa è il DVR - Documento di Valutazione dei Rischi

Il Documento DVR deve essere elaborato dal datore di lavoro in collaborazione con il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e con il medico competente (ove fosse presente) previa consultazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza e deve contenere:

 

Una relazione sulla valutazione di tutti i potenziali rischi per la sicurezza e la salute durante le attività lavorative nella quale siano specificati i criteri adottati per la valutazione stessa.

 

Le indicazioni delle misure di prevenzione e protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati.

 

Il programma delle misure ritenute opportune al fine di garantire il miglioramento nel tempo dei livelli generali di sicurezza.

 

L’individuazione delle procedure per l’attuazione delle misure da realizzare nonché dei ruoli dell’organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze certificate e poteri.

 

L’indicazione del nominativo del responsabile designato del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o di quello territoriale e del medico competente che ha partecipato alla valutazione dei rischi.

 

L’individuazione esatta delle specifiche mansioni che eventualmente espongono i lavoratori che le ricoprono a rischi specifici che richiedo una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata e certificata formazione oltre che addestramento.

 

Le sanzioni previste per il mancato adeguamento

In caso di violazioni inerenti la stesura del DVR (Rif. Art. 55 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) sono previste le seguenti sanzioni:

 

Per omessa redazione del DVR, violazione Art. 29, c.1, l’arresto da 3 a 6 mesi o ammenda da € 2.500 a € 6.400. La pena dell’arresto è estesa da 4 a 8 mesi nelle azienda a rischio di incidente rilevante e con l’esposizione a rischi biologici, cancerogeni/mutageni, di atmosfere esplosive, etc.,

 

Per incompleta redazione del DVR con omessa indicazione delle misure ritenute opportune al fine di garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza, misure di prevenzione e protezione, DPS, procedure sulle misure da adottare e distribuzione dei compiti e delle responsabilità, è prevista una ammenda da € 2.000 a € 4.000

 

Per incompleta redazione del DVR con omessa indicazione sulla relazione della valutazione di tutti i rischi, l’individuazione delle mansioni che espongono i lavoratori a rischi specifici o richiedono riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza ed adeguata formazione, è prevista una ammenda da € 1.000 a € 2.000.


La redazione e la presenza di un DVR a norma ed aggiornato in azienda si configura altresì come obbligo per l’accesso ad agevolazioni e benefici contributivi nel caso di particolari tipologie di assunzione.

 

Chi controlla gli adempimenti previsti dalla legge?

Principalmente gli ispettori delle ASL ma anche l’ISPESL, l’ARPA, Carabinieri addetti al nucleo ispettorato del lavoro così come ispettori dell’Agenzia delle Entrate e militari della Guardia di Finanza.

 

Quanto è concreta la possibilità di un controllo?

I controlli specifici sono in forte aumento nel territorio italiano in quanto il tema della sicurezza sul lavoro è di estrema attualità ed i costi per lo stato derivanti ogni anno dagli incidenti sono molto elevati. Spesso gli organismi di controllo territoriali avviano, in modo indipendente o perché sollecitati da ordinanze nazionali, delle campagne di verifica a tappeto.

 

A seguito invece di una denuncia di infortunio all’INAIL da parte del datore di lavoro oppure dal dipendente stesso che lo ha subito il controllo scatta automaticamente.

 

La verifica del rispetto di tutti i requisiti stabiliti dalla normativa in materia di sicurezza sul lavoro può, infine, essere avviata anche in seguito a segnalazioni anonime.

 

Chi è sottoposto agli obblighi imposti dal D.Lgs. 81/08?

Tutte le aziende, anche ditte individuali e liberi professionisti, che abbiano alle proprie dipendenze anche un solo lavoratore. Per il D.Lgs. 81/08 e s.m.i. sono considerati lavoratori anche i soci, i lavoratori a progetto, i lavoratori stagionali, gli stagisti, i coadiuvanti, o coloro i quali effettuano formazione anche a titolo di apprendistato o gratuito presso la sede dell’azienda.

 

Chi deve e può rivestire il compito di RSPP in azienda?

Generalmente è un compito che viene fatto dal titolare dell’azienda (o se società dall’amministratore) a patto che quest’ultimo abbia almeno il diploma di scuola superiore, tre anni certificati di esperienza continuativa nel proprio settore lavorativo e consegua il relativo attestato dopo aver seguito e superato con esito positivo lo specifico corso di formazione.

 

Nel caso in cui si abbiano alle proprie dipendenze meno di 5 lavoratori, il titolare/amministratore può ricoprire sia il ruolo di RSPP, sia quello di Responsabile Antincendio che quello di Primo Soccorso (naturalmente conseguendo tramite la relativa formazione le qualifiche per ciascun incarico). Dai 5 (compresi) dipendenti in poi, sarà necessario delegare queste due funzioni ad un addetto.

 

Chi deve rivestire il ruolo di RLS?

Sempre un lavoratore, mai il RSPP. Con il correttivo del Testo Unico, inoltre, se il nominativo del RSL non cambia a fine anno, non è più necessario ripetere il verbale di nomina e la conseguente comunicazione all’INAIL.

 

La comunicazione all'INAIL del nominativo del RLS

Con circolare 25 agosto 2009, n. 43 dell’INAIL sono state impartite le istruzioni per la trasmissione dei nominativi dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza.

 

I datori di lavoro devono comunicare in via telematica i nominativi degli RLS non più con cadenza annuale ma solo in caso di nuova nomina o designazione. In fase di prima applicazione l'obbligo riguarda i nominativi dei rappresentanti dei lavoratori già eletti o designati.

 

La comunicazione va effettuata elettronicamente, tramite il sito stesso dell’INAIL, secondo le modalità specificate all’interno della sopra citata. Per eseguire tale operazione l’azienda dovrà assicurarsi di disporre dei propri codici univoci di accesso (Codice Utente / PIN1 / PIN2) al portale Web dell’INAIL. In caso di indisponibilità di codesti codici, sarà necessario eseguire una registrazione sul sito o contattare la sede INAIL di competenza.

 

L’apposita sezione del sito “Dichiarazione RSL” può essere anche utilizzata eventualmente dal consulente del lavoro o commercialista che segue l’azienda a patto che gli vengano comunicati i codici di accesso di cui sopra.

 

I dati da comunicare all’INPS relativi al RLS sono : Cognome, Nome, Codice Fiscale e Data di inizio incarico.
I dati andranno aggiornati solo a seguito di un cambio di RLS e non più a scadenza annuale. 

 

Nel caso di omessa o incompleta comunicazione all’INAIL del RLS, il D.Lgs. 81/08 prevede una sanzione amministrativa pecuniaria da € 50,00 a € 300,00.

 

Quale è la validità del DVR? Ogni quanto deve essere rifatto?

Il legislatore non ha inteso legare al tempo l’obbligo di revisione ed aggiornamento del Documenti di Valutazione dei Rischi ma ha stabilito che la redazione del documento (conseguente naturalmente ad una nuova valutazione dei rischi) andrà eseguita in occasione di modifiche del processo produttivo, dell’organizzazione generale del lavoro interno e in caso di infortuni gravi.

 

Pertanto il documento andrà rielaborato nel caso in cui l’azienda modifichi la propria attività o ne aggiunga una alle precedenti oppure vi sia l’introduzione di nuovi dipendenti in aggiunta all’organico precedente o anche solo in sostituzione di qualcuno.

 

Il DVR deve avere una "data certa"?

Il documento di cui all'Articolo 17, Comma 1, Lettera a), redatto a conclusione della valutazione può essere tenuto, nel rispetto delle previsioni di cui all'Articolo 54, su supporto informatico e deve essere munito, anche tramite le procedure applicabili ai supporti informatici di cui all'Articolo 53, di data certa o attestata dalla sottoscrizione del documento medesimo da parte del datore di lavoro nonché, ai soli fini della prova della data, dalla sottoscrizione del RSPP, del RLS o RLST e dal Medico Competente, ove nominato.

 

Cosa devo fare una volta completato il DVR?

Quanto indicato e sottoscritto nel DVR va costantemente monitorato al fine di verificare se è effettivamente coerente con le attività lavorative quotidiane. Nel caso in cui in azienda, successivamente alla redazione del DVR, vengano introdotte nuove attività oppure vi siano modifiche alle mansioni oppure un cambio di personale o anche un cambiamento delle condizioni di uno dei lavoratori (esempio : una dipendente entra in gravidanza) sarà necessario effettuare una nuova valutazione dei rischi che tenga conto delle nuove circostanze ed aggiornare materialmente il documento DVR e certificare l’avvenuto processo tramite l’acquisizione di una nuova data certa.

MondoServiziPMI Firenze

Via Avogadro 32/5

50019 Sesto Fiorentino

 
Apr19

Aggiornamenti corsi di formazione: Quando farli?

 

AGGIORNAMENTO CORSI DI FORMAZIONE

I corsi di formazione necessari per gli adempimenti in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro, prevede aggiornamenti periodici specifici per ogni tipologia di corso.

Corso di formazione per lavoratori e preposti:

L’accordo Stato-Regioni del 21.12.2011 prevede aggiornamenti quinquennali di minimo sei ore (indipendentemente dal fatto che il settore di riferimento sia a rischio alto, basso o medio).

Corso di Formazione Addetto al Primo Soccorso:

La legge prevede una cadenza minima triennale per almeno la parte pratica, come recita l’articolo 3 del Decreto 388 del 15 luglio 2003 (Gazzetta Ufficiale n. 27 del 03.02.2004): “La formazione dei lavoratori designati andrà ripetuta con cadenza triennale almeno per quanto attiene alla capacità di intervento pratico […]” . In particolare:

  • 6 ore di aggiornamento per i settori in classe “A”;
  • 4 ore di aggiornamento per i settori in classe B/C.

Corso di Formazione per Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione per Datori di Lavoro:

In base al nuovo Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011 sono previste:

  • 6 ore di aggiornamento quinquennali per settori a Rischio Basso;
  • 10 ore di aggiornamento quinquennali per settori a Rischio Medio;
  • 14 ore di aggiornamento quinquennali per settori a Rischio Alto.

Corso di Formazione Addetto Antincendio:

Il Decreto Ministeriale 10 marzo 1998, che regolamenta i percorsi formativi in materia di antincendio, non prevede un obbligo esplicito di aggiornamento periodico del corso per addetti antincendio. Tuttavia, il D. Lgs. 81/08, aggiornato al D. Lgs. 106/2009, recita, all’articolo 37 comma 9: “I lavoratori incaricati dell’attività di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di primo soccorso e , comunque, di gestione dell’emergenza devono ricevere un’adeguata e specifica formazione e un aggiornamento periodico […]”.

In attesa dell’emanazione delle disposizioni di cui al comma 3 dell’articolo 46, continuano a trovare applicazione le disposizioni di cui al Decreto del Ministro dell’interno in data 10 marzo 1998, pubblicato nel S.O. alla Gazzetta Ufficiale n. 81 del 7 aprile 1998, attuativo dell’articolo 13 del Decreto Legislativo 19 settembre 1994, n. 626.

Quindi, in attesa di nuove disposizioni, rimane a discrezione del Datore di Lavoro individuare ogni quanto effettuare i corsi di aggiornamento. Si consiglia ogni 3 anni come per il Primo Soccorso, massimo ogni 5 anni per i settori a rischio basso.

Corso di Formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Il D. Lgs. 81/08, aggiornato al D. Lgs. 106/2009, all’articolo 37 par. 11 comma h recita: “[…] La contrattazione collettiva nazionale disciplina le modalità dell’obbligo di aggiornamento periodico, la cui durata non può essere inferiore a 4 ore annue per le imprese che occupano dai 15 ai 50 lavoratori e a 8 ore annue per le imprese che occupano più di 50 lavoratori”.

 

 

 
  • «
  •  Inizio 
  •  Prec. 
  •  1 
  •  2 
  •  3 
  •  4 
  •  5 
  •  Succ. 
  •  Fine 
  • »
Pagina 1 di 5
Banner

espertisicurezza

Video Scelti per te

Ultimi Eventi

Nessun evento

Utenti On-line

Nessuno

Compatibile con

banner-compatibile


Corsi E-learning Come ordinare

Per ordinare un corso elearning segui le istruzioni

Corsi D.lgs 81/80

Corsi di formazione E-learning D-lgs 81/80 , per l'apprendimendo on-line. Antincendio, primo soccorso, Rls, Rspp ...

Corsi H.A.C.C.P.

Sample image

Corsi di formazione E-learning D-lgs 81/80 , per l'apprendimendo on-line. Addetto Semplice, Addetto Complesso, Aggiornamenti ...

Contatti

MONDO SERVIZI PMI

Via Volturno, 10/12 - Sesto Fiorentino (Fi)

Tel. 0553454106