Tu ora sei qui: Home

Mondo Servizi PMI - Firenze

Notizie Lavoro



Aggiornamenti corsi di formazione: Quando farli?

E-mail Stampa PDF

 

AGGIORNAMENTO CORSI DI FORMAZIONE

I corsi di formazione necessari per gli adempimenti in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro, prevede aggiornamenti periodici specifici per ogni tipologia di corso.

Corso di formazione per lavoratori e preposti:

L’accordo Stato-Regioni del 21.12.2011 prevede aggiornamenti quinquennali di minimo sei ore (indipendentemente dal fatto che il settore di riferimento sia a rischio alto, basso o medio).

Corso di Formazione Addetto al Primo Soccorso:

La legge prevede una cadenza minima triennale per almeno la parte pratica, come recita l’articolo 3 del Decreto 388 del 15 luglio 2003 (Gazzetta Ufficiale n. 27 del 03.02.2004): “La formazione dei lavoratori designati andrà ripetuta con cadenza triennale almeno per quanto attiene alla capacità di intervento pratico […]” . In particolare:

  • 6 ore di aggiornamento per i settori in classe “A”;
  • 4 ore di aggiornamento per i settori in classe B/C.

Corso di Formazione per Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione per Datori di Lavoro:

In base al nuovo Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011 sono previste:

  • 6 ore di aggiornamento quinquennali per settori a Rischio Basso;
  • 10 ore di aggiornamento quinquennali per settori a Rischio Medio;
  • 14 ore di aggiornamento quinquennali per settori a Rischio Alto.

Corso di Formazione Addetto Antincendio:

Il Decreto Ministeriale 10 marzo 1998, che regolamenta i percorsi formativi in materia di antincendio, non prevede un obbligo esplicito di aggiornamento periodico del corso per addetti antincendio. Tuttavia, il D. Lgs. 81/08, aggiornato al D. Lgs. 106/2009, recita, all’articolo 37 comma 9: “I lavoratori incaricati dell’attività di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di primo soccorso e , comunque, di gestione dell’emergenza devono ricevere un’adeguata e specifica formazione e un aggiornamento periodico […]”.

In attesa dell’emanazione delle disposizioni di cui al comma 3 dell’articolo 46, continuano a trovare applicazione le disposizioni di cui al Decreto del Ministro dell’interno in data 10 marzo 1998, pubblicato nel S.O. alla Gazzetta Ufficiale n. 81 del 7 aprile 1998, attuativo dell’articolo 13 del Decreto Legislativo 19 settembre 1994, n. 626.

Quindi, in attesa di nuove disposizioni, rimane a discrezione del Datore di Lavoro individuare ogni quanto effettuare i corsi di aggiornamento. Si consiglia ogni 3 anni come per il Primo Soccorso, massimo ogni 5 anni per i settori a rischio basso.

Corso di Formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Il D. Lgs. 81/08, aggiornato al D. Lgs. 106/2009, all’articolo 37 par. 11 comma h recita: “[…] La contrattazione collettiva nazionale disciplina le modalità dell’obbligo di aggiornamento periodico, la cui durata non può essere inferiore a 4 ore annue per le imprese che occupano dai 15 ai 50 lavoratori e a 8 ore annue per le imprese che occupano più di 50 lavoratori”.

 

 

 

Il patentino per frigoristi F-gas

E-mail Stampa PDF

 

E' stato approvato il decreto che stabilisce che i tecnici e le imprese che eseguono interventi tecnici su impianti frigoriferi, condizionatori, pompe di calore estintori, antincendio e commutatori ad alta tensione ed altri apparecchi contenenti gas fluorurati ad effetto serra, dovranno essere in possesso di specifica certificazione.


Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DPR 34/2012 è stato recepito il Regolamento Europeo 842/2006 che prevede che tutte le persone e, di conseguenza, le imprese all’interno delle quali esse operano, che eseguono interventi tecnici su impianti frigoriferi, condizionatori, pompe di calore estintori, antincendio nonché commutatori ad alta tensione ed altri apparecchi contenenti gas fluorurati ad effetto serra, dovranno essere in possesso di specifica certificazione che verrà rilasciata da un Organismo di Certificazione appositamente accreditato, dopo il superamento di un esame teorico e pratico. La certificazione ottenuta, avrà una validità decennale terminati i quali dovrà essere rinnovata.

Il Ministero dell’Ambiente ha chiarito che le certificazioni rilasciate da enti di certificazione esteri nel nostro paese non saranno “automaticamente” ritenute valide, ma dovranno essere riconosciute dall'autorità competente italiana.

alt

Patentino per Frigoristi F-Gas

Come previsto dal DPR 43/2012


Cos'è il Patentino Frigoristi ?

Quello che viene comunemente denominato Patentino Frigoristi è la Certificazione dei tecnici del freddo secondo la Regolamentazione Europea 842/2006 e i regolamenti della Commissione Europea di esecuzione della stessa. La certificazione dei tecnici del freddo, cioè di tutti quegli operatori che possono utilizzare e comprare il gas refrigerante, esiste dal 2008 in quasi tutti gli Stati europei.

 

Qual è il numero di lavoratori che devono essere patentati ?

Dovrà essere certificata una persona ogni 200.000 euro di fatturato legato all’attività di installazione, manutenzione, riparazione degli impianti di refrigerazione, condizionamento d’aria e pompe di calore.

 

Il patentino sarà soggetto ad obblighi di rinnovo?

La validità della certificazione della persona sarà di 10 anni, dopo di che dovrà essere rinnovata.

La certificazione della competenza delle imprese ha una durata di 5 anni. Nell’arco dei cinque anni di validità della certificazione, l’Organismo di Certificazione dovrà effettuare due verifiche ispettive presso l’impresa.

 

Corso di preparazione all’esame di 8 ore (Aula o E. learning)

Contenuti :

I principali componenti del circuito frigo

La cura dell’operatore, la certificazione e riferimenti normativi

La trasmissione del calore, le grandezze fisiche e la loro misura

I gas fluorurati

Corretta esecuzione delle operazioni di manutenzione e controllo

Il ciclo frigorifero e i circuiti

Attrezzature e strumenti

Il registro di apparecchiatura


Esame di abilitazione certificato

L’esame sarà svolto dall’Ente di certificazione accreditato ACCREDIA e si svolgerà in due prove.

Prova teorica in aula della durata di 90 minuti utili per rispondere a 30 domande a risposta multipla.

Prova pratica in un laboratorio qualificato, con prova pratica di saldobrasatura e di gestione e controllo dei condizionatori (recupero gas, controllo perdite, caricamento circuito, prova del vuoto, funzionalità apparecchiature ecc.).

 

 

Costi

Corso di Formazione 8 ore +

Esame teorico-pratico +

Emissione del certificato +

Prima ripetizione esame per mancato superamento +

Certificato formato tessera = Euro 790.00 + Iva

Ripetizione esame oltre quella inclusa = Euro 340.00 + Iva

Copia ulteriore del certificato = Euro 45.00 + Iva

 

 

Il prezzo è garantito per agli associati Conflavoro PMI


 

 

PROROGA TERMINI DVR OBBLIGATORIO

E-mail Stampa PDF

info

 

 

 

Parlamento: prorogati i termini per la autocertificazione della valutazione dei rischi

Con la pubblicazione, in Gazzetta Ufficiale, della legge 24 dicembre 2012 , n. 228 (c.d. "legge di stabilità"), è stato prorogato al 30 giugno 2013 il termine per la autocertificazione della valutazione dei rischi.


Si riporta il comma 5 dell'art. 29, del Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, così come modificato:

5. I datori di lavoro che occupano fino a 10 lavoratori effettuano la valutazione dei rischi di cui al presente articolo sulla base delle procedure standardizzate di cui all'articolo 6, comma 8, lettera f). Fino alla scadenza del terzo mese successivo alla data di entrata in vigore del decreto interministeriale di cui all'articolo 6, comma 8, lettera f), e, comunque, non oltre il 30 giugno 2013, gli stessi datori di lavoro possono autocertificare l'effettuazione della valutazione dei rischi. Quanto previsto nel precedente periodo non si applica alle attività di cui all'articolo 31, comma 6, lettere a), b), c), d) nonché g).

 

 

Un sito web europeo dedicato alla sicurezza degli operatori sanitari

E-mail Stampa PDF

 

Progettato per aiutare gli operatori sanitari ad evitare pericoli e ridurre al minimo il rischio di ferite da taglio o da punta.

Milano, 17 Ott - BD (Becton, Dickinson and Company), azienda multinazionale leader nel settore tecnologico medicale, ha lanciato il nuovo sito web europeo sulla Sicurezza, progettato per aiutare le organizzazioni sanitarie a migliorare la sicurezza dei propri operatori e ad ottemperare alla imminente normativa sulla prevenzione delle ferite da taglio o da punta.
Il sito web è disponibile all’indirizzo: http://www.bd.com/europe/safety/it.
 
Ogni giorno, gli operatori sanitari di tutta Europa sono a rischio di ferite da taglio o da punta, che possono comportare possibili infezioni da 30 agenti patogeni potenzialmente pericolosi, tra cui Epatite B, Epatite C e HIV . Le ferite da taglio o da punta rappresentano un serio rischio occupazionale per gli operatori sanitari, con circa un milione di casi che si verificano nell'Unione europea ogni anno , e circa 96.000 ogni anno solo in Italia .
In tutta Europa organizzazioni sanitarie lungimiranti hanno già compreso il vantaggio di introdurre pratiche di lavoro più sicure entro il termine stabilito dalla normativa, e hanno agito in anticipo. I vantaggi di questo approccio sono chiari, e per le organizzazioni che rappresentano gli infermieri e gli operatori sanitari, l’introduzione della cultura della sicurezza si basa su cambiamenti che coinvolgono più livelli.
 
La direttiva UE sulla prevenzione delle ferite da taglio o da punta  offre un’opportunità concreta e necessaria di definire un quadro vincolante per eliminare le ferite da taglio o da punta, e dovrà essere recepita nel diritto nazionale di tutti gli Stati membri della UE entro l'11 maggio 2013. Il nuovo sito di BD sulla sicurezza è disegnato per aiutare gli operatori sanitari e le organizzazioni ad ottemperare alla nuova legislazione.
 
Alexandre Conroy, Presidente Western Europe, BD, rafforza la posizione aziendale in materia di sicurezza: "BD si impegna ad accrescere la consapevolezza sui rischi quotidiani affrontati dagli operatori sanitari, e le precauzioni che possono adottare per migliorare la sicurezza. Ci auguriamo che questo nuovo sito diventi un importante portale per la fornitura di informazioni, linee guida e best practice nel settore".
 
Il nuovo sito sulla sicurezza fornisce inoltre una panoramica del nuovo programma per la sicurezza deglioperatori sanitari. Questo pacchetto integrale adotta un approccio olistico alla sicurezza, fornendo gli strumenti e i consigli necessari per rendere le ferite da ago un problema del passato. Health Economics, valutazione dei rischi, gestione della conversione alla sicurezza e formazione sono tutti elementi fondamentali. Il sito comprende anche una panoramica della gamma dei dispositivi medicali di sicurezza di BD, nonché ulteriori risorse utili. BD fornisce una serie completa di strumenti per sostenere le istituzioni che lavorano per ottenere una transizione semplice, trasparente ed economicamente efficace a pratiche di lavoro più sicure e conformi alla nuova direttiva UE.
 
Il sito di BD sulla Sicurezza è consultabile all'indirizzo: http://www.bd.com/europe/safety/it ed è disponibile anche in lingua inglese, francese, tedesca, spagnola ed olandese.
da Punto Sicuro

 

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 17 Ottobre 2012 07:49 )
 

Il patentino per l’utilizzo delle attrezzature speciali

E-mail Stampa PDF

 

EURO

Informazioni sull’accordo Stato-Regioni relativo alle attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione degli operatori. I requisiti minimi dei corsi, le ore richieste per le singole attrezzature e la formazione pregressa.

Roma, 17 Ott – L’ accordo Stato-Regioni del 22 febbraio 2012 - concernente l’individuazione delleattrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione degli operatori, nonché le modalità per il riconoscimento di tale abilitazione, i soggetti formatori, la durata, gli indirizzi ed i requisiti minimi di validità della formazione - dà attuazione all’articolo 73 del Decreto legislativo 81/2008 in riferimento agli obblighi di informazione, formazione e addestramento per le attrezzature di lavoro.
È un accordo molto importante per la tutela della sicurezza dei lavoratori e diversi convegni e seminari in Italia lo stanno facendo conoscere nei suoi dettagli per facilitare il raggiungimento degli obiettivi di prevenzione degli infortuni.
In riferimento a questo accordo il 25 giugno 2012 si è tenuto a Roma il seminario formativo “Il ‘Patentino’ ovvero l’abilitazione all’utilizzo delle attrezzature speciali”.
Il seminario, organizzato dalla Commissione Sicurezza dell’ Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma in collaborazione la Pianeta Sicurezza S.r.l., aveva lo scopo di dare informazioni riguardanti l’utilizzo in sicurezza delle attrezzature che richiedono conoscenze e responsabilità particolari. Attrezzature per le quali il nuovo accordo Stato-Regioni prevede una formazione, informazione ed addestramento adeguati e specifici, tali da consentirne l’utilizzo in modo idoneo e sicuro.
 
Ci soffermiamo su un intervento dal titolo “Presentazione dell’Accordo Stato-Regioni 22/02/2012”, a cura dell’Ing. Marco Conti (membro della Commissione Sicurezza sul lavoro  dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma) che ha affrontato la genesi dell’accordo  e ha ricordato che la data di entrata in vigore è fissata per il 12 marzo 2013, mentre l’obbligatorietà del “patentino” scatterà dal 12 marzo 2015.  
 
Il documento si sofferma su diversi aspetti dell’accordo, ad esempio in relazione alle attrezzature per le quali è richiesta l’abilitazione, all’individuazione dei soggetti formatori e ai requisiti minimi dei corsi.
 
Riguardo a quest’ultimo aspetto l’accordo sancisce che in ordine all’organizzazione dei corsi di formazione si conviene sui seguenti requisiti:
- “individuazione di un responsabile del progetto formativo che può essere anche il docente;
- tenuta del registro dei partecipanti da parte del soggetto che realizza il corso;
- numero di partecipanti per ogni corso: massimo 24 unità;
- per le attività pratiche il rapporto istruttore/allievi non deve essere superiore al rapporto di 1 a 6;
- le attività pratiche devono essere effettuate in area idonea” (come indicato nell’Allegato I all’accordo);
- “assenze ammesse: massimo 10% del monte orario complessivo”. 
In particolare è previsto:
- un modulo giuridico normativo: “può essere fatto una volta sola a fronte di attrezzature simili” e può essere svolto anche in modalità e-Learning;
- un modulo tecnico: “è specifico per ogni attrezzatura di cui all’accordo” e può essere svolto anche in modalità e-Learning;
- un modulo pratico: “è specifico per ogni attrezzatura di cui all’accordo” e può essere svolto solo con lezioni frontali.
 
Veniamo alle singole indicazioni tratte dai vari allegati e relativi alle specifiche attrezzature trattate:
 
-piattaforme di lavoro mobili elevabili: “macchina mobile destinata a spostare persone alle posizioni di lavoro, poste ad altezza superiore a 2 m rispetto ad un piano stabile, nella quale svolgono mansioni dallapiattaforma di lavoro, con l’intendimento che le persone accedano ed escano dalla piattaforma di lavoro attraverso una posizione di accesso definita e che sia costituita almeno da un piattaforma di lavoro con comandi, da una struttura estensibile e da un telaio”. Modulo giuridico normativo: 1 ora; modulo tecnico: 3 ore; modulo pratico: 4 ore per PLE che operano su stabilizzatori o che possono operare senza stabilizzatori o 6 ore per l’uso di PLE con stabilizzatori e senza;
-gru per autocarro: “gru a motore comprendente una colonna, che ruota intorno a una base ed un gruppo bracci che è applicato alla sommità della colonna. La gru è montata di regola su un veicolo (eventualmente su un rimorchio, una trattrice o su una base fissa) ed è progettata per caricare e scaricare il veicolo”. Modulo giuridico normativo: 1 ora; modulo tecnico: 3 ore; modulo pratico: 8 ore;
 
-gru a torre: “ gru a braccio orientabile, con il braccio montato sulla parte superiore di una torre che sta approssimativamente in verticale nella posizione di lavoro”. Modulo giuridico normativo: 1 ora; modulo tecnico: 7 ore; modulo pratico: 4 ore per gru con rotazione in alto o basso, 6 ore per l’uso di entrambe;
 
-carrelli semoventi a braccio telescopico (carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo): “ carrelli elevatori a contrappeso dotati di uno o più bracci snodati, telescopici o meno, non girevoli, utilizzati per impilare carichi. Il dispositivo di sollevamento non deve essere girevole o comunque non deve presentare un movimento di rotazione maggiore di 5° rispetto all’asse longitudinale del carrello”. Modulo giuridico normativo: 1 ora; modulo tecnico: 7 ore; modulo pratico: 4 ore;
 
-carrelli industriali semoventi (carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo): “qualsiasi veicolo dotato di ruote (eccetto quelli circolanti su rotaie) concepito per trasportare, trainare, spingere, sollevare, impilare o disporre su scaffalature qualsiasi tipo di carico ed azionato da un operatore a bordo su sedile”. Modulo giuridico normativo: 1 ora; modulo tecnico: 7 ore; modulo pratico: 4 ore;
 
-carrelli/sollevatori/elevatori semoventi telescopici rotativi (carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo): “attrezzature semoventi dotate di uno o più bracci snodati, telescopici o meno, girevoli, utilizzate per movimentare carichi ed azionate da un operatore a bordo con sedile”. Modulo giuridico normativo: 1 ora; modulo tecnico: 7 ore; modulo pratico: 4 ore o 8 ore per tutte le tipologie;
 
-gru movibile: “autogru a braccio in grado di spostarsi con carico o senza carico senza bisogno di vie di corsa fisse e che rimane stabile per effetto della gravità”. Modulo giuridico normativo: 1 ora; modulo tecnico: 6 ore + 4 ore se con falcone telescopico o brandeggiante; modulo pratico: 7 ore + 4 ore se con falcone telescopico o brandeggiante;
 
-trattori agricoli o forestali: “qualsiasi trattore agricolo o forestale a ruote o a cingoli, a motore, avente almeno due assi e una velocità massima per costruzione non inferiore a 6 km/h, la cui funzione è costituita essenzialmente dalla potenza di trazione, progettato appositamente per tirare, spingere, portare o azionare determinate attrezzature intercambiabili destinate ad uso agricole o forestali, oppure per trainare rimorchi agricoli o forestali. Esso può essere equipaggiato per trasportare carichi in contesto agricolo”. Modulo giuridico normativo: 1 ora; modulo tecnico: 2 ore; modulo pratico: 5 ore per trattori a ruote, 5 ore per trattori a cingoli;
 
 - macchine per movimenti terra: escavatori idraulici; escavatori a fune; pale caricatrici frontali; terne; autoribaltabili a cingoli. Modulo giuridico normativo: 1 ora; modulo tecnico: 3 ore; modulo pratico: 6 ore per una tipologia, 12 ore per idraulici, frontali e terne;
 
-pompa per calcestruzzo: “dispositivo, costituito da una o più parti estensibili, montato su un telaio di automezzo, autocarro, rimorchio o veicolo per uso speciale, capace di scaricare un calcestruzzo omogeneo, attraverso il pompaggio del calcestruzzo stesso”. Modulo giuridico normativo: 1 ora; modulo tecnico: 6 ore; modulo pratico: 7 ore.
 
Il documento si conclude ricordando che la formazione pregressa riguarda i corsi già effettuati o da svolgersi entro il 12 marzo 2013 con riferimento a:
- “corsi di formazione con durata complessiva non inferiore a quella prevista dall’accordo: Modulo teorico, Modulo pratico, Verifica finale. Validità 5 anni dalla data di superamento della verifica finale;
- corsi di formazione con tutti i moduli previsti ma con durata complessiva inferiore a quella prevista nell’accordo. Devono fare aggiornamento entro il 12.03.2015. Validità 5 anni dalla data di svolgimento del corso di aggiornamento;
- corsi di formazione non completati da verifica finale e con durata complessiva inferiore a quella prevista: obbligo dell’aggiornamento entro il 12.03.2015 con verifica finale. Validità 5 anni dalla data di superamento della verifica finale”.
 
 
“ Presentazione dell’Accordo Stato-Regioni 22/02/2012”, intervento a cura dell’Ing. Marco Conti (membro della Commissione Sicurezza sul lavoro  dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma) al seminario formativo “Il ‘Patentino’ ovvero l’abilitazione all’utilizzo delle attrezzature speciali” (formato PDF, 5.01 MB).
 
 
Tiziano Menduto
da Punto Sicuro 


 

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 17 Ottobre 2012 07:57 )
 
  • «
  •  Inizio 
  •  Prec. 
  •  1 
  •  2 
  •  Succ. 
  •  Fine 
  • »
Pagina 1 di 2

Corsi E-learning Come ordinare

Per ordinare un corso elearning segui le istruzioni

Corsi D.lgs 81/80

Corsi di formazione E-learning D-lgs 81/80 , per l'apprendimendo on-line. Antincendio, primo soccorso, Rls, Rspp ...

Corsi H.A.C.C.P.

Sample image

Corsi di formazione E-learning D-lgs 81/80 , per l'apprendimendo on-line. Addetto Semplice, Addetto Complesso, Aggiornamenti ...

Contatti

MONDO SERVIZI PMI

Via Volturno, 10/12 - Sesto Fiorentino (Fi)

Tel. 0553454106